Casi Clinici / Corona in metallo

1) Visita

Consta certamente di almeno quattro elementi d'indagine:
a) Anamnesi
b) Ispezione extraorale
c) Ispezione intraorale
d) Esame radiografico
VisitaAll'anamnesi la paziente non presenta alcuna nota di rilievo come pure all'esame obiettivo extra orale. L'ispezione intraorale ci mostra una buona condizione di salute dei tessuti molli e dei tessuti duri e così pure l'igiene è ben curata grazie al corretto uso quotidiano di spazzolino e filo interdentale.

Il primo molare inferiore di sinistra si presenta con una ricostruzione in amalgama che si estende per tutta la superficie mesio-occluso-distale abbracciando anche le superfici vestibolari e linguali. La paziente riferisce di aver curato l'elemento nel 1996 senza avere avuto da allora alcun sintomo. L'analisi dell' occlusione evidenzia una buona distribuzione dei contatti su tutta la superficie triturante.
Le dichiarazioni della paziente associate all'estensione del restauro e alla colorazione dello smalto fanno propendere per la possibilità che il dente sia stato trattato endodonticamente.

visita_2

Il tessuto naturale del dente comincia a presentare evidenti segni di indebolimento manifestati da incrinature che corrono verticalmente e minimi distacchi nella zona di confine con la ricostruzione.
La strumentazione con lo specillo evidenzia minimi gap soprattutto sulla parete linguale. Il sondaggio parodontale mostra una mucosa ben adesa e priva di sanguinamento, con una minima riduzione di gengiva aderente come dimostra la recessione vestibolare.
La salute del parodonto è la condizione indiscutibile per l'esecuzione di un manufatto protesico perché solo in tale situazione avremo una reazione prevedibilmente positiva all'insulto che, anche se minimo e controllato, i nostri interventi comportano.
Non è presente alcun tipo di mobilità.

visita_3All'esame radiologico non sono riscontrate lesioni a livello periapicale e spiccano gli ancoraggi canalari della ricostruzione che per estensione e profondità ci assicurano una buona tenuta.
Di comune accordo con la paziente è programmata l'esecuzione di una corona in metal ceramica per prolungare il più possibile la funzionalità dell' elemento dentale.

 

 

 

 

Capitolo 2 (Preparazione)